Back to the poetry index - | - Torna all'indice delle poesie

Cristo napulitano
Scritta da LUCIANO SOMMA
Recitata da ANTONIO MENCARINI

Ce site state maie
dint'a nu vascio
sgarrupato e viecchio,
scavato dint''e pprete
addò l'ummedità trase 'int'all'osse.

Ce site state maie
dint'a nu vascio:
na tavula tarlata
cu quatto segge 'e paglia
na branda militare
n'armadio rusecato
e 'a famma , tanta famma,
patuta iuorno pe' ghiuorno
pe' quanno po' durà nu calannario
accuminciata già quanno se nasce
sufferta ogne mumento 'e stu calvario .

Cristo che campa
senza cchiù Dio
stanco d''a vita,
stanco d''a morte,
stanco...

sempe accussì
'a primma 'e Masaniello
l'unica nuvità
è na televisione
che fà vedè ricchezze scanusciute:
case , cummeddità , magnà , visone...
Ce site state maie
dint'a nu vascio
guagliune annure, femmene ammusciate,
puzza d'ummedità , tanfo 'e sudore,
nu pizzeco 'int''o core , nu squallore.
Chesta ancor'ogge è Napule,
'o mare, 'a vita 'o sole, assaie luntano
e 'a croce ch'è pesante
p''o cristo, senza Dio, Napulitano!